C                    E                    S                    P                    I                    M

Area
Nazionali
Comunitari
Home Page
TRAM WBL www.tram-wbl.eu
TRAM WBL www.tram-wbl.eu
TRAM WBL www.tram-wbl.eu

CESPIM è partner del progetto TRAM WBL, finanziato nell’ambito del programma Erasmus Plus.

Il progetto, di durata triennale, è caratterizzato da un ampio partenariato costituito da organizzazioni provenienti da Italia, Slovacchia, Portogallo, Lituania, Germania e Grecia e ha come obiettivo quello di migliorare il sistema dell’istruzione e della formazione professionale creando e validando un modello transnazionale di work based learning (WBL), il sistema di apprendimento basato sul lavoro, attraverso il coinvolgimento delle Pmi.

L’attività del progetto, per la realizzazione di Linee Guida volte a migliorare il sistema transnazionale di work based learning, si baserà su un constante dialogo tra il settore della formazione e il mondo del lavoro attraverso lo scambio di reciproche esperienze tra soggetti provenienti da diversi Paesi.

Inoltre, il progetto sarà finalizzato a promuovere la collaborazione tra scuole e mondo del lavoro e a supportare le scuole nel migliorare l’integrazione del modello WBL all’interno delle prassi scolastiche, oltre che a innovare le prassi già esistenti in materia. Inoltre il progetto mira ad effettuare un esame del supporto fornito dai datori di lavori al sistema di formazione degli studenti nell’ambito del WBL e ad elaborare materiale informativo per datori di lavoro, studenti e scuole.

L’Erasmus Plus è quel programma integrato dell’Unione europea per l’Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport i cui finanziamenti sono volti a promuovere per il periodo 2014-2020 opportunità per studenti, tirocinanti, insegnanti, a creare e migliorare partenariati tra istituzioni e organizzazioni nei settori dell’istruzione, della formazione e del mondo del lavoro e a sostenere la realizzazione di una riforma dei sistemi di istruzione, formazione e assistenza ai giovani.


G.O.L.I.A. - “Giovani Organizzano Impresa e Lavoro Assieme”
G.O.L.I.A. -  “Giovani Organizzano Impresa e Lavoro Assieme”
Progetto n° 2012-I-IT1-LE005-02797

G.O.L.I.A. - “Giovani Organizzano Impresa e Lavoro Assieme”
 
 
 
    Progetto n° 2012-I-IT1-LE005-02797

 

Partnership di sviluppo:

 
·         Isfor Api (Cagliari, Italia), capofila
·         CESPIM (Roma, Italia)
·         Asociatja nationala a Universitat Ilor Populare-ANUP International (Romania)
·         Colegiul de Industrie Alimentara “Elena Doamna” (Romania)
·          Eduser Egitim daniÅŸmalik ve Uzmanlik Hizmetleri LTD ÅžTI (Turchia)
 
 
Descrizione:
 
Il progetto intende trasferire un modello di intervento sperimentato con successo da Isforapi sul territorio sardo, relativo ad un nuovo approccio di lavoro con i giovani caratterizzato da una stretta relazione tra mondo della scuola e mondo dell’impresa. Attraverso il modello “E…se creassi un’impresa?” verranno coinvolti i giovani dell’ultimo anno delle scuole superiori e i diplomati dell’anno precedente di alcuni istituti professionali turchi e romeni e verrà promosso un concorso che premierà le idee imprenditoriali più innovative e sotenibili
 
 
Gli obiettivi del progetto sono:
 
-          formazione dei docenti con il metodo empowerment oriented
-          affiancamento degli allievi per permettere la costruzione dell’idea imprenditoriale e verificandone la sua sostenibilità
-          istituzione di un premio all’idea d’impresa migliore e promozione della work experience
 
 
Il progetto avviato nell’ottobre 2012 è si concluderà nel settembre 2014

LEONARDO DA VINCI
LEONARDO DA VINCI
FA.RE “FAcilitare le RElazioni transculturali nelle imprese manifatturiere multietniche”

 FA.RE “FAcilitare le RElazioni transculturali nelle imprese manifatturiere multietniche”    
                                            Cespim è partner di progetto

Progetto n° LLP-LDV-TOI-10-IT-551

 

Partnership di sviluppo:
·         CSPMI Reggio Emilia – (Reggio Emilia, Italia) – Capofila
·         Cespim srl – Centro studi per l’Innovazione d’Impresa – (Roma, Italia)
·         CGIL Bildungswerk (Francoforte, Germania)
·         ANOLF nazionale – CISL (Roma, Italia)
·         GIP-FCIP (Alsazia, Francia)
·         ECAP (Lugano, Svizzera)

 

DESCRIZIONE: 

Il Progetto europeo FA.RE “FAcilitare le RElazioni transculturali nelle imprese manifatturiere multietniche”, finanziato all’interno del Programma Leonardo da Vinci – Trasferimento di Innovazione, si fonda sulla necessità delle imprese manifatturiere con presenza di lavoratori stranieri di governare la complessità organizzativa interna che viene inevitabilmente a generarsi quando si devono gestire risorse umane di lingua madre e cultura molteplici (diversity management), diverse tra loro e da quelle dell’azienda di appartenenza.

 

Gli obiettivi del progetto sono:
1)      supportare le imprese multietniche che possono trovarsi in una posizione critica data la maggiore complessità organizzativa interna, soprattutto nella gestione delle risorse umane con pratiche linguistiche e culturali eterogenee;
2)      superare possibili contrasti derivanti dalla presenza di gruppi numerosi di lavoratori di etnie diverse;
3)      favorire un migliore inserimento dei lavoratori stranieri in deficit linguistico e di adattamento;

 

Tali obiettivi posso essere raggiunti grazie alla formazione di una persona che agisce “da ponte”, da “Facilitatore delle relazioni transculturali”: un lavoratore già occupato in azienda che coglie eventuali problematiche di integrazione tra lavoratori e che suggerisce soluzioni soddisfacenti sia per management che per i lavoratori, garantendo al tempo stesso clima favorevole al lavoro.
Il progetto, avviato nell’ottobre 2010, terminerà nel marzo del 2012.

PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE
PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE
CRE.N.DI. “Creare Nel Disagio- Trasferimento di un modello di inclusione socio-lavorativo”

Progetto n° LLP-LDV-TOI-09-IT-0463
CRE.N.DI. “Creare Nel Disagio- Trasferimento di un modello di inclusione socio-lavorativo”
 
 
Cespim è partner di progetto
 
 
 
 
 
Partnership di sviluppo:
 
  • ISFOR API, Istituto di Formazione dell’API SARDA (capofila)
  • API Sarda, Associazione delle Piccole Medie Industrie della Sardegna (Cagliari, Italia)
  • Cespim s.r.l. – Centro Studi per l’Innovazione d’Impresa – (Roma, Italia)
  • Assessorato Servizi Sociali – Comune di Nuoro (Nuoro, Italia)
  • Agenzia per la Formazione e il Lavoro (Milano, Italia)
  • KADIS - KADROVSKO IZOBRAZEVALNI INZENIRING (Lubiana, Slovenia)
  • ANUP INTERNATIONAL- Asociatia Nationala a Universitatilor Populare (Bucarest, Romania)
 
 
 
DESCRIZIONE:
Il progetto CRE.NDI. CREARE NEL DISAGIO-TRASFERIMENTO DI UN MODELLO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVO propone il trasferimento, in Romania e Slovenia, di un innovativo approccio metodologico finalizzato a favorire l’inserimento lavorativo di persone che per diverse ragioni sono lontane dal mondo del lavoro. Un modello che ISFOR API ha sperimentato a Nuoro nel corso di un precedente progetto (EQUAL fase II, Pro.R.E.S Progetto rafforzamento Economia Sociale) e che è stato inserito dal Ministero nel catalogo delle Buone Prassi.
Un modello attraverso cui sviluppare azioni che restituiscano dignità e ruolo attivo alle persone socialmente disagiate sostenendo un loro consapevole reinserimento nel mercato del lavoro anche attraverso formule autoimprenditoriali. Un modello che parte dal presupposto che se una persona, che per diversi motivi si è trovata al di fuori dell’ambiente socio-lavorativo, riuscisse a riacquistare fiducia in sé stessa e “si” permettesse di prendere in mano la propria vita potrebbe, volendo, riuscire anche a realizzare qualche sogno chiuso nel cassetto da anni.
Lo spirito e l’approccio che caratterizzerà il progetto CRE.N.DI. infatti, è quello empowering. Empowerment come strumento di una nuova cultura della forza applicata in contesti caratterizzati da debolezza e disagio. Empowerment per trasmettere nei beneficiari che saranno coinvolti nella sperimentazione in Romania e Slovenia la consapevolezza del poter essere parte attiva in un proprio processo di apertura verso nuove possibilità. Verso nuove possibilità di scelta. Verso l’utilizzo ottimale delle proprie risorse e capacità. Il progetto CRE.N.DI. avviato nell’ottobre 2009 si concluderà nel settembre del 2011.

GENTI - “Scuola delle Competenze” – Borgo dei Mestieri
GENTI -  “Scuola delle Competenze” – Borgo dei Mestieri
Progetto n° LLP-LDV-TOI-10-IT-501

GENTI -  “Scuola delle Competenze” – Borgo dei Mestieri

     Progetto n° LLP-LDV-TOI-10-IT-501

Partnership di sviluppo:

• Isfor Api (Cagliari, Italia), capofila
• CESPIM (Roma, Italia)
• API LECCE e CSAPI (Lecce, Italia)
• OZEV (Ankara, Turchia)
• Municipalità di Neapolis-Sykies (Grecia)
• Comune di Nuoro-Assessorato Servizi sociali,

Descrizione:

La persona disabile può essere un problema per le aziende che devono ottemperare a quanto recita la L.68/99 ma se affiancata e formata sul campo può diventare una risorsa. Questo è l’obiettivo di “GENTI-Scuola Competenze – Borgo dei Mestieri”, progetto europeo inserito nel Programma di Apprendimento Permanente – Programma settoriale Leonardo da Vinci (2007-2013)- Azione “Progetto Multilaterali di Trasferimento dell’Innovazione” TOI.

Gli obiettivi del progetto sono:
- sperimentare un modello di intervento che Isfor Api, in sinergia con il Comune di Nuoro-Assessorato servizi sociali, ha già implementato a Nuoro nell’ambito della “Scuola delle competenze/Borgo dei Mestieri”

- trasferire il modello sperimentato nei territori riferiti ai partner di progetto, costruendo reti fattive con le organizzazioni che si occupano di disabilità e di inserimento socio-lavorativo, collaborazioni e dialogo con le imprese del territorio, attraverso le quali le persone disabili hanno potuto vivere esperienze di lavoro.

- Programmare piani didattici flessibili che consentano un adattamento continuo a cio' che chiede il mercato e a cio' che possono fare i disabili

- Offrire alle persone disabili l’opportunità di imparare a lavorare

Il progetto avviato nell’ottobre 2010 è terminato nel settembre 2012

 


LEONARDO DA VINCI
LEONARDO DA VINCI
LE.PEX IN COMPANY LEARNING PROCESSES EXPERT

 

LLP-LDV/TOI/2007/IT/186
 
 
Cespim Capofila
 
Partnership di sviluppo:
 
  • Cespim s.r.l. – Centro Studi per l’Innovazione d’Impresa – (Roma, Italia)
  • Berufsförderungswerk Leipzig gGmbH BFW Leipzig (Leipzig, Germania)
  • ALEXANDER TECHNOLOGICAL EDUCATIONAL INSTITUTE OF THESSALONIKI (ATEI) (Thessaloniki, Grecia)
  • Chamber of Commerce and Industry Csongrad County (Szeged, Ungheria)
  • ASSOCIAZIONE PICCOLE INDUSTRIE DI LECCE A.P.I. (Lecce, Italia)
  • Centro Servizi P.M.I. Soc. Cons. a r.l. CSPMI (Reggio Emilia, Italia)
  • CONSORZIO API FORMAZIONE IMPRESA (Venezia Mestre, Italia)
  • UNIVERSIDADE NOVA DE LISBOA/FCT (Caparica, Portogallo)
  • The University of Salford (Salford, Regno Unito)
 
 
DESCRIZIONE:
Scopo fondamentale del progetto è quello di realizzare un compiuto trasferimento (adattamento e messa a regime nei contesti organizzativi e di sistema VET di altre regioni e altri paesi) di dispositivi, strumenti e prassi eccellenti, già disponibili all’interno del progetto pilota “Prometeo” (I/01/B/F/PP-120160) e riferibili al profilo delle competenze agite dal Tutor o “Esperto dei processi di apprendimento in azienda”. Lo scopo finale del trasferimento comporta la condivisione raggiunta tra i partner (anche a livello delle reti locali da essi attivate) dei requisiti di competenza dell’Esperto in modo tale che essi risultino: a) validi anche al di fuori dei contesti della loro genesi primaria ai fini di un’efficace facilitazione dell’apprendimento intenzionale sul luogo di lavoro, anche nell’ottica del life-long learning dei beneficiari diretti - obiettivo di validazione per la trasferibilità; b) riproducibili attraverso il ri-uso sostenibile dei risultati finali da parte dei destinatari diretti e potenziali utilizzatori - obiettivo di riproduzione sostenibile; c) valorizzabili in termini di “valore d’uso” dai destinatari/utilizzatori (tutor ed esperti) e di “valore di scambio” dai beneficiari diretti (trainee e coachee), indiretti (educatori e formatori operanti nei contesti istituzionali dell’apprendimento formale) e dai partner sociali e portatori d’interesse - obiettivo divalorizzazione rispetto a destinatari, beneficiari e portatori d’interesse.
 
 

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
N.E.T.: Migliorare la qualità della formazione professionale continua e l’accesso alla stessa

I/06/B/F/PP-154081
 
 
Cespim è partner di progetto (In corso).
 
Partnership di sviluppo:
 
  • Apindustria (Pancrazio Parmense (PR), Italia), capofila;
  • Centro Servizi PMI (Reggio Emilia – Italia);
  • Akademie Uberlingen (Osnabruck, Germany);
  • CREA, Confederacion de Empresarios de Aragon (Zaragoza, Spain);
  • Associazione Smile CGIL (Roma, Italia);
  • Camera del lavoro – Cgil (Parma, Italia);
  • Cespim srl (Roma, Italia);
  • Università degli studi di Bologna, Facoltà di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni (Cesena, Italia);
  • ANUP, Associata Nationala Universitatilor populare din Romania (Bucarest, Romania);
  • Consiliul National al Intreprinderilor Private mici si mijlocii din Romania (Bucarest, Romania);
  • School of Education, University of Wales Bangor (Bangor, Wales).
 
DESCRIZIONE
Si intende progettare, sperimentare, validare e diffondere un percorso formativo volto all’acquisizione delle competenze di base relative all’alfabetizzazione digitale (nelle sue 4 dimensioni – operativa, semiotica, culturale e civica) qualora se ne riscontrino le necessità (lavoratrici e lavoratori privi di conoscenze informatiche, che si può ragionevolmente supporre rappresentino la maggioranza dei casi; in caso contrario vengono riconosciute in ingresso le conoscenze e competenze già possedute) e di conoscenze e abilità professionali per sostenere l’occupabilità nel comparto metalmeccanico, che preveda modalità blended learning di apprendimento, che contempla la realizzazione di contenuti didattici e-learning innovativi, basati sull’impiego di una piattaforma open source (Bodington o Moodle) LMS – Learning Management System – di nuova generazione e aderenti allo standard SCORM 2004.

Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali
Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali
SAAxFORMARE, Servizio di Assistenza all’Apprendimento nell’ambito del Servizio Permanente di Formazione (SPF) online

Cespim partner di progetto
 
Website: www.xformare.it 
 
Partnership di sviluppo:
 
  • Enaip, Ente Nazionale ACLI Istruzione Professionale (Roma, Italia), capofila;
  • Associazione SMILE, Sistemi e Metodologie Innovativi per il Lavoro e l’Educazione (Roma, Italia);
  • Associazione Consorzio Scuole Lavoro (Roma, Italia);
  • E.N.F.A.P., Ente Nazionale Formazione e Addestramento Professionale (Italia);
  • Associazione CIOFS-FP, Centro Italiano Opere Femminili Salesiane – Formazione Professionale (Roma, Italia);
  • Federazione CNOS–FAP, Centro Nazionale Opere Salesiane – Formazione Aggiornamento Professionale (Roma, Italia);
  • INIPA – COLDIRETTI, Istituto di Formazione Professionale Agricola (Roma, Italia);
  • ELABORA Società Cooperativa a r.l. (Roma, Italia);
  • IAL CISL NAZIONALE (Roma, Italia);
  • CESPIM s.r.l., Centro Studi per l’innovazione di Impresa (Roma, Italia);
  • CONFORM S.r.l., Soluzioni per il lavoro che cambia (Monterotondo Scalo, Roma, Italia)
 
 
DESCRIZIONE
 
Assistenza all’apprendimento formativo attraverso un servizio di tutoring dedicato ad alta specializzazione; creazione, gestione ed animazione di comunità di pratiche; azione di comunicazuione e diffusione.

EQUAL II Fase
EQUAL II Fase
IN TRAIN Equal Azione III – Formazione continua a favore delle fasce deboli

IT-S2-MDL-813
 
Cespim Partner del progetto (In corso)
 
 
Partnership di sviluppo:
 
  • Ceseca, Centro Servizi Calzaturiero (Segromogno in Monte, Lucca, Italia) capofila;
  • Cespim e CSPMI Reggio Emilia (Italia);
  • I.V.L. Istituto Veneto per il Lavoro (Marghera, Italia);
  • C.I.F. - OIL, Centro Internazionale del lavoro dell’O.I.L. (Torino, Italia);
  • Galgano International ONP (Roma, Italia);
  • Euro Soluzioni 2000 srl (Catania, Italia);
  • I&F, Intesa Formazione S.c.p.a. (Napoli, Italia)

Leonardo da Vinci
Leonardo da Vinci
TREIN: Formazione sull’Intelligenza Emotiva

ES/05/B/F/PP-149376
 
 
Cespim partner del progetto (In corso)
 
Partnership di sviluppo:
 
  • CREA, Confederacion de Empresarios de Aragon (Zaragoza, Spain), capofila;
  • Inveslan (Bilbao, Spain);
  • Znanie Association (Sofia, Bulgaria);
  • DAA, Deutsche Angestellten Akademie (Braunschweig, Germany);
  • CCOO, Comisiones Obreras (Zaragoza, Spain);
  • UGT, Union General de Trabajadores Aragon (Zaragoza, Spain);
  • INAEM, Instituto Aragones de Empleo (Zaragoza, Spain);
  • Gobierno de Aragon (Zaragoza, Spain);
  • Trebag Property and Project Management Ltd. (Budapest, Hungary);
  • Cespim srl (Roma, Italia);
  • Facultatea de Stiinte Economice, Drobeta Turnu Severin (Romania);
  • Emmerce Eeig (Linkoping, Sweden);
  • Tepebasi Municipality (Eskisehir, Turkey).
 
DESCRIZIONE
 
Obiettivo principale del progetto TREIN è di promuovere la presenza dell’Intelligenza Emozionale nella Formazione Continua attraverso mezzi diversi, che includono la raccolta delle Buone Pratiche di Formazione Continua in Europea e l’ elaborazione di uno Strumento Metodologico utile ad adattare le metodologie basate sull’Intelligenza Emozionale alla Formazione Continua.

EQUAL
EQUAL
AIM Equal II Fase – Approcci integrati per l’adattabilità e miglioramento della qualità del lavoro

IT-S2-MDL-118
 
Cespim Capofila del progetto (In corso)
 
 
Partnership di sviluppo:
 
  • Cespim srl (Roma, Italia) capofila;
  • Centro Servizi P.M.I. Reggio Emilia (RE, Italia);
  • Api Formazione Torino (Italia)
  • Apiservizi Varese (Italia);
  • Enfea, Ente Nazionale Bilaterale per la Formazione, composto da Confapi, CGIL, CISL UIL (Roma, Italia);
  • Università la Sapienza di Roma – Facoltà di Scienze della Comunicazione (Roma, Italia).
 
DESCRIZIONE
 
Il progetto A.I.M., finanziato nell’ambito dell’iniziativa comunitaria Equal – II Fase, utilizza la leva dell’apprendimento per combattere le discriminazioni e le disuguaglianze di trattamento nel mercato del lavoro dei lavoratori adulti a bassa scolarità, dei lavoratori stranieri, dei lavoratori in CIGS e in mobilità. Essi rischiano, infatti, di essere espulsi dal mercato del lavoro per le forti difficoltà ad adattarsi ai nuovi contesti organizzativi, profondamente trasformati dalla pressione esercitata su imprese e mercati dai processi di globalizzazaione e dalle nuove tecnologie.
 
LEARNING JOURNEY
 
Il progetto A.I.M. assume una connotazione europea grazie al confronto che la partnership di sviluppo attua con quattro Paesi degli Stati membri (Belgio, Regno Unito, Ungheria, Olanda) nell’ambito di un accordo di cooperazione transnazionale che prende il nome di “learning journey”.
Learning Journey è quindi il titolo del progetto transnazionale che persegue obiettivi condivisi e complementari agli scopi di ciascun partner, in particolare:
-       sviluppo di proposte personalizzate e flessibili ai bisogni di apprendimento di soggetti deboli;
-       riconoscimento e valorizzazione delle competenze sia nuove che possedute.
 
 

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
QUALITEDU: Quality Education

I/05/B/F/PP-154020
 
 
Cespim partner del progetto (In corso)
 
Partnership di sviluppo:
 
  • Cofimp Consorzio per la Formazione e lo Sviluppo delle PMI (Bologna, Italia), capofila;
  • Cespim srl (Roma, Italia);
  • Entente UK (Birmingham, UK);
  • SREP, Societatea Romana Pentru Educatie Permanenta (Bucarest, Romania);
  • CMA, Chambre de Metiers et de l’Artisanat de l’Ain (Bourg en Bresse, France) ;
  • Insup Formation (Merignac, France);
  • IPAEI : Institute of Public Administration and European Integration (Sofia, Bulgaria);
  • PCCI: Plovdiv Chamber of Commerce and Industry (Plovdiv, Bulgaria).
 
DESCRIZIONE
 
Il progetto Qualitedu ha l’obiettivo di contribuire al miglioramento della qualità nell’istruzione e nella formazione, attraverso l’identificazione di criteri e strumenti che aiutino gli enti formativi a diventare protagonisti del processo di miglioramento continuo e sostengano gli enti preposti alle politiche educative e alla programmazione formativa nella definizione delle loro aspettative.

IST – Information Society Technologies
IST – Information Society Technologies
LEGAL – IST

N° 004252- LEGAL IST
 
 
Cespim partner del progetto (concluso)
 
Partnership di sviluppo:
 
  • ESOCE NET, European Society of Concurrent Engineering Network (Roma, Italia), capofila;
  • LBORO, Lough Borough Univ., department of civil and builgind engineering (Leicestershire, UK);
  • CIEEL, Centre of International and European Economic Law (Thessaloniki, Greece);
  • CIRSFID, Alma Mater Studiorum, Univ. di Bologna, Italia;
  • FIDAL, Fiduciaire Juridique et Fiscal de France (Chateaurox, France);
  • J & A. Garrigues s.l. (Madrid, Spain);
  • KSW, Kunz, Schima, Wallentin & Partner Rechtsanwalt (Wien, Austria);
  • Masons, UK;
  • NRCCL (Universitetet / Oslo);
  • UoG, Georg-August-Universität Goettingen Stiftung Oeffenlichen Rechts (Goettingen, Germany);
  • Cespim srl (Roma, Italia);
  • VTT, Valtion Teknillinen Tutkimuskeskus – Technical Research Centre of Finland;
  • CETIM, Center for Technology and Innovation Management GMBH (Munchen, Germany);
  • IBM, International Business Machines Belgium (Brussels, Belgium);
  • PC, Platte Consult (Germany).
 
DESCRIZIONE
 
Il Progetto LEGAL IST è volto ad analizzare e catalogare gli aspetti legali insiti nelle nuove tecnologie e metodologie emergenti dalla Information Society, avendo i seguenti obiettivi:
1.      Consolidare i risultati ottenuti nel corso del 5° Programma Quadro IST nel campo della ricerca legale;
2.      Sostenere ed indirizzare le attività di ricerca all'interno della priorità di IST;
3.      Contribuire alla definizione del piano d'azione di sviluppo (roadmap) dell’impianto legislativo dell'EU; la “roadmap” sarà convalidata tramite iniziative di costruzione e condivisione del consenso relativo alle scelte proposte.

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
CVTS2: Migliorare la qualità e l’accesso alla formazione professionale continua

AT/04/C/F/RF-82101
 
Cespim partner del progetto (In corso)
 
Partnership di sviluppo:
 
  • 3s Research Laboratoy – Forschungsverein (Vienna, Austria), capofila;
  • BIBB, Bundesinstitut fur berufsbilgung (Bonn, Germany);
  • Center of arbejosmarkedsforkning (Carma), Aalborg univ. (Aalborg, Denmark);
  • NUOV, National Institute of Technical and Vocational Education (Praha, Czech Republic);
  • Cespim srl (Roma, Italia);
  • Center for vocational education and research at the vytautas magnus university (Kaunas, Lithuania).
 
DESCRIZIONE
 
L’obiettivo del progetto è l’acquisizione di una serie di spiegazioni ben controllate che permettano una differenziazione tra i risultati della rete nazionale (sistema educativo, il mercatodell’educazione continua etc.) e individuare

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
CITIES: Nuove forme di apprendimento e di insegnamento delle competenze di base nell’ambito dell’istruzione della formazione professionale per le persone più svantaggiate nel mercato del lavoro, inclusi i disabili

I/04/B/F/LA/ 154059
 
 
Cespim partner del progetto (concluso)
 
Partnership di sviluppo:
  • Cofimp, Consorzio per la Formazione e lo Sviluppo delle PMI (Bologna, Italia), capofila;
  • St Cyril and Methodius University (Veliko Turnovo, Bulgaria);
  • Universität Bremen Institut Technik und Bildung (Bremen, Germany);
  • Cespim srl (Roma, Italy);
  • Fondazione Cesar Centro Ricerche dell’Economia Sociale e dell’Assicurazione (Bologna, Italia);
  • LOOP Creazioni multimediali (Bologna, Italia);
  • Centrum Biznesu i Roznoju (Business and Development Center), Rzeszow, Poland;
  • SREP, Societatea Romana Pentru Educatie Permanenta (Bucarest, Romania).
 
DESCRIZIONE
 
Il progetto si colloca all’interno delle priorità indicate nella decisione del Consiglio per la promozione delle competenze linguistiche inerenti alle lingue meno diffuse in quanto si concentrerà su tre aree linguistiche di area PECO (pur appartenenti a ceppi profondamente differenti: il bulgaro, il rumeno, il polacco). Tutti i materiali prodotti saranno infatti tradotti nelle suddette lingue, e sperimentati su individui appartenenti ad aree balcaniche. Nello specifico, la proposta si pone l’obiettivo di fornire una preparazione linguistica e culturale per la mobilità transnazionale delle persone, andando incontro a un fabbisogno formativo/informativo chiaramente individuato presso un particolare gruppo di destinatari e contribuendo a sensibilizzare le imprese tramite la realizzazione di un metodo innovativo di apprendimento.
Il progetto si pone inoltre l’obiettivo di contribuire al miglioramento della qualità della formazione professionale continua e di favorire l’acquisizione di competenze lungo tutto l’arco della vita, puntando sulla riqualificazione professionale di lavoratori che in alcuni casi possono risultare discriminati nel mercato del lavoro.

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
COSA: Condividere e organizzare il sapere aziendale. Metodi, strumenti e supporti per una ridistribuzione del sapere endogeno nelle PMI

I/04/B/F/PP/154040
 
 
Cespim capofila del progetto (concluso)
 
Partnership di sviluppo:
 
§         CESPIM srl (Roma, Italia), capofila;
§         CESOS (Europaform), Roma, Italia;
§         IRSEA, Istituto di Ricerche sulla Società e l’Economia dell’Apprendimento (Genova, Italia);
§         CREA, Confederacion de Empresarios de Aragon (Zaragoza, Spagna);
§         Akademie Uberlingen (Osnabruck, Germany);
§         EVEA (Tallinn, Estonia);
§         ANUP, Associatia Nationala a Universitatilor Populare din Romania (Bucharest, Romania);
§         Confapi (Roma, Italia).
 
DESCRIZIONE
 
Il progetto è volto a realizzare un supporto integrato finalizzato alla messa in trasparenza, valorizzazione e ridistribuzione “conveniente” del “sapere endogeno” in coerenza con le esigenze di gestione legate alla dinamica dei mercati che coinvolge le PMI.
Si intende per sapere endogeno quello che l’impresa ha distintivamente prodotto attraverso i propri processi cognitivi e che come tale: a) costituisce la base dell’esercizio della competitività; b) non è reperibile sul mercato del lavoro. Detto sapere è fra l’altro caratterizzato da una forte difficoltà ad esser trasferito attraverso le ordinarie pedagogie.

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
C.E.S.E.: Sviluppo di materiali e metodologie per l’apprendimento e l’autoapprendimento dell’inglese commerciale per addetti commerciali di PMI

I/03/B/F/LA/-154045
 
 
Cespim partner del progetto (concluso)
 
Partnership di sviluppo:
 
§         CSPMI Reggio Emilia (Italia), capofila;
§         ANUP, Associatia Nationala a Universitatilor Populare din Romania (Bucarest, Romania);
§         Formare – Cespim (Roma, Italy);
§         CECOA – Centro de formaçao para o comércio e afins (Lisbona, Portogallo);
§         London Chamber of Commerce International Examinations Board Italian Representative (Roma, Italia);
§         Cgil Bildung Swerk (Francoforte, Germania);
§         Romanian Business School (Scoala Romana De Afaceri A Camerelor De Comert Si Industrie), Bucarest, Romania;
§         ASS. SMILE - Sistemi e metodologie innovative per il lavoro e l’educazione (Roma, Italia);
§         MULTILAB – Holden Language School (Reggio Emilia, Italia).
 
DESCRIZIONE
 
Ricercare ed individuare, all’interno della propria rete di collaborazione, esperienze di eccellenza, contenenti gli elementi caratterizzanti la proposta; partecipare al gruppo di studio per la verifica e validazione dei materiali e ai seminari con attori locali/utilizzatori potenziali ai fini della diffusione in itinere del progetto, operando infine una disseminazione dei risultati in modo particolare nei confronti delle Associazioni maggiormente rappresentative delle Piccole e Medie Imprese; collaborare alla realizzazione del sito internet riassuntivo dell’esperienza condotta.

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
LAS – SME: promuovere e rafforzare il contributo della formazione professionale al processo innovativo

I/03/B/F/LA-154090
 
 
Cespim partner del progetto (concluso)
 
Partnership di sviluppo:
 
  • Consorzio Lavoro e Ambiente (Roma, Italia), capofila;
  • Language Solution srl (Roma, Italia);
  • Cespim srl (Roma, Italia)
  • The Mid Yorkshire Chamber of Commerce and Industry Branch Bulgaria (Ruse, Bulgaria);
  • Stamatopoulou Diane & Co, Thrace Development Centre of Vocational Training (Orestiada, Greece);
  • The National Council of Private SME’s in Romania (Bucarest, Romania);
  • Management International, Davio Arrowsmith (London, UK);
  • Research Institute for Enhancing Learning University of Wales (Bangor, UK);
  • Academy of Humanities and Economics Lodz (Lodz, Polonia);
  • Association for Regional Development, Education and Information Technology “REGIONET” (Varna, Bulgaria);
  • ECET, European Centre for Education and Training (Sofia, Bulgaria).
 
DESCRIZIONE
Il progetto mira alla definizione e realizzazione di metodi e strumenti in grado di analizzare e rispondere ai fabbisogni di comunicazione linguistica delle Piccole e Medie Imprese del settore manifatturiero, ottimizzando la ratio tra costi e benefici della formazione al fine di aumentare la competitività delle aziende. L'obiettivo è perseguito attraverso la progettazione, lo sviluppo e la sperimentazione di un sistema di audit linguistico, accessibile direttamente in Internet e disponibile per gli auditor linguistici, che serva da base per la pianificazione dei percorsi formativi del personale. Fine ultimo del progetto è migliorare l'efficacia della formazione linguistica nella PMI tarando le soluzioni formative sulle esigenze comunicative in lingua inglese del personale impiegato in diversi ruoli aziendali per svolgere efficacemente i propri compiti. Esigenze comunicative e corrispondenti percorsi formativi verranno determinati dalla misura del gap tra il livello di comunicazione linguistico iniziale dell'occupato e quello necessario a gestire la comunicazione in lingua inglese legata alle attività lavorative e alle diverse priorità comunicative aziendali. Il sistema di audit permetterà agli enti di formazione, attraverso la figura dell'auditor, di fornire consulenza alle PMI sulle strategie di investimento da adottare nella formazione linguistica.

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
EURORUBIK: Repertorio europeo di Linee Guida e Raccomandazioni per l’elaborazione e la realizzazione di percorsi formativi concertati tra le parti sociali, flessibili e personalizzati, da rivolgere a lavoratori con bassa qualificazione professionale

I/03/B/F/PP-154082
 
 
Cespim capofila del progetto (concluso)
 
Partnership di sviluppo:
 
  • Cespim srl, capofila;
  • UGGASA, Urola Garaiko Garapenerako Agentzia S.A. (Gipuzkoa, Spain);
  • Chambre de metiers de l’Ain – Artisanat (Bourg en Bresse, France) ;
  • Centro Servizi P.M.I. (Reggio Emilia – Italia);
  • Cofimp, Formazione e Consulenza (Bologna, Italia);
  • Associazione SMILE CGIL (Roma, Italia);
  • ACPA Service s.c.a.r.l. (Roma, Italia);
  • Consorzio Europaform (Roma, Italia);
  • Università degli studi di Bologna (Facoltà di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni);
  • Consorzio Formapi (Matera, Italia);
  • ANUP, Associatia Nationala a Universitatilor Populare din Romania (Bucharest);
  • University of Wales, Bangor research institute for enhancing learning (Bangor, UK).
 
 
DESCRIZIONE
 
Obiettivo principale è la realizzazione di un repertorio di linee guida e raccomandazioni validate a livello europeo, per l’elaborazione di percorsi formativi flessibili e personalizzati, concertati tra imprese e sindacati.
Tali percorsi formativi sono tesi a valorizzare l’apprendimento non formale quale presupposto essenziale per la realizzazione di uno spazio di apprendimento permanente.
Il contributo del progetto è di concorrere a migliorare la qualità della formazione professionale continua e l’accesso alla stessa, nonché l’acquisizione di abilità e competenze lungo tutto l’arco della vita, al fine di ampliare e sviluppare l’adattabilità, in aprticolare per accompagnare le innovazioni tecnologiche ed organizzative.

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
Progettazione di Metodologie e Tecniche orientate all’Occupazione

I/01/B/F/PP-120160
 
Cespim partner del progetto (concluso)

Legge 236/93 - Azione di sistema, Tema obiettivo 3
Legge 236/93 - Azione di sistema, Tema obiettivo 3
IQI PMI: Modelli flessibili di formazione continua e servizi per la qualità, l’innovazione e l’internazionalizzazione nelle PMI

Prot. N. 47619/98 – fasc. N. 79
 
Cespim partner del progetto (concluso)
 
Partnership di sviluppo:
 

§         Cofimp scrl, Consorzio per la Formazione e lo Sviluppo delle PMI (Bologna, Italia) capofila ;

§         Inforcoop scarl, Istituto Nazionale di Formazione Cooperativa (Roma, Italia);

§         Cespim srl, Centro Studi per l’Innovazione d’Impresa (Roma, Italia);

  • Ecipa, Ente Confederale Istruzione Profess. Artigianato e Piccola Impresa (Genova, Italia);
  • Ecipar scarl, Formazione e Servizi Innovativi (Italia)
 
OBIETTIVI
 
Sostenere e sviluppare la competitività delle piccole e medie imprese, migliorandone la qualità strategica e gestionale.
In tale ottica ,definire un modello in cui la formazione, per agire efficacemente come leva competitiva, deve strutturarsi come sistema dinamico permanente in grado di leggere i bisogni e dare risposte agli individui, alle aziende, ai sistemi di relazione interaziendale, agli attori di governo locale.

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
PRASME

Cespim capofila del progetto (concluso)

Iniziativa Comunitaria Occupazione settore di intervento HORIZON
Iniziativa Comunitaria Occupazione settore di intervento HORIZON
H – FORM: Metodologie qualificate per la formazione professionale di giovani disabili da inserire nel mondo del lavoro

0534/E2/H/M
 
Cespim partner del progetto (concluso)

Leonardo Da Vinci
Leonardo Da Vinci
ANDOR: Organizzazione di analisi specializzata nell’individuazione dei fattori chiave del successo delle piccole e medie imprese

I/98/2/05793/PI/II31.1.a/FPC
 
Cespim partner del progetto (concluso)



Facal point
Copyright CESPIM s.r.l. Partita Iva 01807131006